NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Pandemia, stress e ADHD

I ragazzi che presentano un ADHD si trovano abitualmente in difficoltà nella gestione delle emozioni; la situazione di quarantena e di isolamento forzato a cui tutti noi siamo costretti può rivelarsi ancor più difficile per loro.
L'ADHD è caratterizzato da difficoltà nella flessibilità del pensiero, nel controllo degli impulsi e nella regolazione delle emozioni: tutte abilità che sono fondamentali nell'adattarsi ai cambiamenti e per gestire le emozioni che ne conseguono.
In questo periodo, a causa degli allontanamenti dai compagni e della cancellazione di eventi scolastici ed attività extrascolastiche, i bambini e i ragazzi con ADHD sono preoccupati, frustrati e stressati maggiormente.
È utile fare una distinzione tra i comportamenti tipici nei bambini e quelli derivanti da questa caratteristica. Tutti i bambini e ragazzi, quando non riescono a gestire o ad esprimere sentimenti, mostrano dei segnali di difficoltà, spesso regressivi, come mangiarsi le unghie, urlare e stare svegli a lungo la sera. Coloro che hanno un ADHD mettono in atto comportamenti più accentuati, come frequenti attacchi di panico, fobie specifiche, ritiro dalla famiglia e difficoltà legate al sonno.
Nell'ambito di questa emergenza sanitaria, è stato notato che i ragazzi con ADHD mostrano dei segnali di difficoltà più evidenti ed importanti rispetto al solito, per esempio evidenziano un'eccessiva preoccupazione e tristezza, un'incapacità di apprezzare cose che un tempo erano soddisfacenti, hanno un'alimentazione povera e inspiegabili mal di testa.
In questo caso, gli psicologi dello sviluppo suggeriscono ai genitori di non fornire ai ragazzi false rassicurazioni circa l'emergenza e l'isolamento, ma di dare delle precise indicazioni riguardo alle azioni che si possono o non si possono fare, prestando attenzione alle informazioni dei media o degli adulti a cui i ragazzi sono esposti. Viene anche consigliato di osservare con attenzione i comportamenti dei figli per provare ad individuare i bisogni sottostanti alle loro azioni. Infine, si consiglia l'utilizzo di strumenti tecnologici di comunicazione per aiutare i bambini e ragazzi a rimanere in contatto con gli amici e per sentirsi meno isolati.

Può interessarti anche:

ADHD in 1 minuto
https://www.centroleonardo-psicologia.net/blog-centroleonardo/adhd.html

I benefici della tecnologia sull'apprendimento a scuola
https://www.centroleonardo-psicologia.net/blog-centroleonardo/i-benefici-della-tecnologia-sull-apprendimento-a-scuola.html

Fonte articolo:
https://www.additudemag.com/distress-adhd-is-my-child-depressed/

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search