NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Pandemia, stress e ADHD

I ragazzi che presentano un ADHD si trovano abitualmente in difficoltà nella gestione delle emozioni; la situazione di quarantena e di isolamento forzato a cui tutti noi siamo costretti può rivelarsi ancor più difficile per loro.
L'ADHD è caratterizzato da difficoltà nella flessibilità del pensiero, nel controllo degli impulsi e nella regolazione delle emozioni: tutte abilità che sono fondamentali nell'adattarsi ai cambiamenti e per gestire le emozioni che ne conseguono.
In questo periodo, a causa degli allontanamenti dai compagni e della cancellazione di eventi scolastici ed attività extrascolastiche, i bambini e i ragazzi con ADHD sono preoccupati, frustrati e stressati maggiormente.
È utile fare una distinzione tra i comportamenti tipici nei bambini e quelli derivanti da questa caratteristica. Tutti i bambini e ragazzi, quando non riescono a gestire o ad esprimere sentimenti, mostrano dei segnali di difficoltà, spesso regressivi, come mangiarsi le unghie, urlare e stare svegli a lungo la sera. Coloro che hanno un ADHD mettono in atto comportamenti più accentuati, come frequenti attacchi di panico, fobie specifiche, ritiro dalla famiglia e difficoltà legate al sonno.
Nell'ambito di questa emergenza sanitaria, è stato notato che i ragazzi con ADHD mostrano dei segnali di difficoltà più evidenti ed importanti rispetto al solito, per esempio evidenziano un'eccessiva preoccupazione e tristezza, un'incapacità di apprezzare cose che un tempo erano soddisfacenti, hanno un'alimentazione povera e inspiegabili mal di testa.
In questo caso, gli psicologi dello sviluppo suggeriscono ai genitori di non fornire ai ragazzi false rassicurazioni circa l'emergenza e l'isolamento, ma di dare delle precise indicazioni riguardo alle azioni che si possono o non si possono fare, prestando attenzione alle informazioni dei media o degli adulti a cui i ragazzi sono esposti. Viene anche consigliato di osservare con attenzione i comportamenti dei figli per provare ad individuare i bisogni sottostanti alle loro azioni. Infine, si consiglia l'utilizzo di strumenti tecnologici di comunicazione per aiutare i bambini e ragazzi a rimanere in contatto con gli amici e per sentirsi meno isolati.

Può interessarti anche:

ADHD in 1 minuto
https://www.centroleonardo-psicologia.net/blog-centroleonardo/adhd.html

I benefici della tecnologia sull'apprendimento a scuola
https://www.centroleonardo-psicologia.net/blog-centroleonardo/i-benefici-della-tecnologia-sull-apprendimento-a-scuola.html

Fonte articolo:
https://www.additudemag.com/distress-adhd-is-my-child-depressed/

Altri articoli...

04 Luglio 2019
Tecnologia
Negli ultimi anni l'"immersive storytelling" ha avuto grande successo in diversi...
05 Maggio 2020
Altro
Una situazione come quella che stiamo vivendo può farci sentire sopraffatti, tr...
26 Aprile 2018
Scuola
DSA-BES
Approfondiamo oggi un'interessante strategia didattica che è utilizzata da alcun...
28 Febbraio 2018
Scuola
DSA-BES
Si sente spesso parlare di progetti di screening svolti a scuola e ci sono diver...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search