NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

ADHD

Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività  (ADHD o DDAI) è un disturbo evolutivo che include disattenzione, impulsività e/o iperattività.
Alcuni soggetti mostrano soprattutto difficoltà di attenzione e altri prevalentemente iperattività motoria e comportamenti impulsivi. La maggioranza dei soggetti con ADHD mostra entrambi. Le maggiori difficoltà si registrano in ambiente scolastico e a casa nel momento dei compiti.

Come si manifesta?

Aspetti legati alla difficoltà di attenzione/concentrazione:

  • apparire spesso distratti;
  • difficoltà a seguire le istruzioni;
  • tendenza a commettere errori superficiali;
  • tendenza ad evitare attività che richiedano concentrazione;
  • tendenza a dimenticare o perdere oggetti quotidiani (chiavi, biglietto del bus, libri etc);
  • importanti difficoltà organizzative.

Aspetti legati all'iperattività:

  • difficoltà di concentrazione su un compito;
  • difficoltà a prestare attenzione;
  • difficoltà a restare seduti o fermi;
  • tendenza ad avere comportamenti impulsivi;
  • impazienza (es. difficoltà nell'attendere il proprio turno);
  • tendenza a tamburellare con le dita o agitare gambe e piedi, soprattutto da seduti;
  • dare l'impressione di essere "motorizzati", sempre in movimento;
  • tendenza ad interrompere durante una conversazione gli altri;
  • tendenza a fornire una risposta prima che sia terminata la domanda.

Cosa fare?
Una valutazione diagnostica è il primo passo. Questa consente di appurare la presenza o meno del disturbo e contestualmente avere una fotografia del funzionamento cognitivo del paziente, fondamentale per affrontare le difficoltà.
In base all'età, al funzionamento e alla situazione specifica può risultare molto utile lavorare sulla consapevolezza del bambino/ragazzo. Essere consapevoli aiuta a rendersi conto dei comportamenti problematici e a esercitare un controllo su di essi.
La terapia cognitivo-comportamentale come il "parent training" risulta essere efficace nell'aiutare i genitori a gestire le situazioni di conflitto, lavorando sui comportamenti positivi.
In alcuni casi può risultare necessaria la terapia farmacologica con l'obiettivo di ridurre i comportamenti iperattivi, l'impulsività e per migliorare la concentrazione.

Forse può interessarti:
Hyperfocus: l'arma segreti dell'ADHD?

Leonardo da Vinci aveva l'ADHD?

Strategie in casa per la gestione del bambino con ADHD

Nove strategie per l'apprendimento dei bambini con disattenzione e iperattività

Altri articoli...

31 Luglio 2019
Scuola
La matematica è sempre stata vista come una delle materie più ostiche, se non qu...
31 Luglio 2019
Scuola
Tecnologia
In quanti sono convinti che tutta la tecnologia presente al giorno d'oggi sia so...
03 Gennaio 2020
Ricerca
Altro
Il modello DIR è un modello d'intervento elaborato da Stanley I. Greenspan e Ser...
31 Luglio 2019
Scuola
DSA-BES
La dislessia consiste in una difficoltà nella decodifica del testo e dunque anch...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search