NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Il “Locus of control”

Probabilmente molti di voi non avranno mai sentito parlare del locus of control, nonostante ognuno di noi lo sperimenti e lo utilizzi ogni giorno nella vita quotidiana. Si tratta, per definizione delle scienze psicologiche, della modalità con la quale un individuo ritiene che gli eventi della sua vita siano prodotti da suoi comportamenti o azioni, oppure da cause esterne indipendenti dalla sua volontà. In poche parole si tratta della nostra assunzione di responsabilità per gli eventi buoni o cattivi che ci capitano nella vita. Il locus of control di ognuno di noi può essere di due differenti tipi: interno oppure esterno. Le persone che si ritengono in grado di agire per massimizzare i risultati buoni e minimizzare quelli meno buoni possiedono un locus of control interno, invece coloro che si sentono maggiormente in mano al destino e alla fortuna e tendono a non riconoscersi artefici dei fallimenti o dei successi possiedono un locus of control esterno. 


Dunque il locus of control appare molto importante nella nostra vita per valutare obiettivamente i nostri risultati e dove possibile riuscire a migliorarli cambiando qualcosa. Ma da dove trae origine questo meccanismo mentale?
Secondo numerosi studi si sviluppa a partire dalle esperienze di apprendimento infantili tramite le quali alcune persone possono sviluppare un sistema di credenze interne che punta a migliorarsi costantemente, mentre altri tendono a sentirsi più trasportati dalla fortuna e dagli eventi esterni che non dipendono da loro. Il locus of control è tendenzialmente stabile, tuttavia quando si presentano eventi fortemente negativi o traumatici tende a spostarsi verso l'esterno.
Partendo da questa definizione appare molto probabile che questo sistema di credenze possa influenzare in maniera significativa l'apprendimento e l'istruzione, difatti è molto diverso se ad esempio un bambino prende un brutto voto e lo giustifica come "causato dalla sfortuna" oppure se analizza obiettivamente la situazione prendendosi le proprie responsabilità e cercando la volta successiva di impegnarsi maggiormente dove è stato carente. Un locus of control interno sembra favorire quindi maggiormente un miglioramento ed un impegno costante a differenza di quello esterno, che ritenendo non dipendenti da noi gli eventi negativi o positivi non spinge all'impegno e al costante miglioramento; vero è che non mina l'autostima in caso di insuccesso, ma allo stesso tempo non fornisce feedback positivi fondamentali in caso di successo.

 

Altri articoli...

14 Febbraio 2018
Ricerca
Altro
Dott. Jacopo Lorenzetti -  Daxing, sobborgo di Pechino. È l'alba. Ragazzi...
13 Novembre 2018
Altro
IL TUTORNell'ambito della Psicologia dell'Educazione, emerge sempre come evident...
08 Novembre 2018
Scuola
Tecnologia
1) La tecnologia che utilizzi non è davvero necessariaA volte, l'ansia di impieg...
13 Novembre 2018
Ricerca
 La Psicologia dei tratti è uno degli approcci più influenti nella scienza ...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search