NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Gli stili cognitivi: globale vs analitico

Gli stili cognitivi
Con il concetto di stile cognitivo, introdotto per la prima volta da Allport nel 1937, si fa riferimento a un modo prevalente adottato dal soggetto e del tutto personale di elaborare le nuove informazioni, il quale permane nel tempo e viene generalizzato a compiti diversi (Boscolo, 1981). La ricerca sugli stili cognitivi è stata sviluppata intorno al 1940 e in seguito si è ampliata coinvolgendo i diversi ambiti teorici, come la psicologia dello sviluppo e le teorie dell'intelligenza. Nel corso degli anni, in particolare negli anni '60 e '70, si sono moltiplicati gli studi volti a identificare i differenti stili cognitivi: la loro classificazione risulta fondamentale nella formulazione delle diagnosi, che permettono di non esprimere giudizi di valore sulla persona come nel caso delle abilità, in base alle quali i soggetti valutati vengono classificati in modo positivo o negativo. Avendo come scopo quello di creare un sistema di classificazione unitario, sono stati ideati differenti modelli di interpretazione e di classificazione. Il più articolato e completo è il modello di Miller, che è stato elaborato nel 1987. Tale modello si rivolge agli stili incentrati sull'attività cognitiva e si fonda sulla considerazione delle strategie "preferite" dalle persone nell'elaborazione dell'informazione secondo l'approccio classico dello Human Information Processing (HIP). Miller ha suddiviso l'attività cognitiva in tre processi principali: la percezione, la memoria e il pensiero. Al loro interno ha identificato dei sotto-processi che possono essere interpretati come differenti stili cognitivi: si hanno lo stile cognitivo globale vs. analitico; lo stile cognitivo dipendente dal campo vs. indipendente dal campo; lo stile cognitivo verbale vs. visivo; lo stile cognitivo divergente vs. convergente; lo stile cognitivo sistematico vs. intuitivo, e infine, lo stile cognitivo impulsivo vs. riflessivo. 
In questo articolo ci soffermeremo sullo stile cognitivo globale vs. analitico. 


Riconoscimento percettivo: lo stile globale vs. analitico
Miller sostiene che queste due modalità di riconoscimento siano in grado di spiegare il confronto tra l'input in entrata e la conoscenza posseduta in memoria dalla persona: le differenze tra i due stili sono molteplici. Da una parte, lo stile globale processa l'informazione "dal tutto alle parti". Tramite questo stile le persone rappresentano l'informazione nella sua totalità, ricorrendo successivamente a delle inferenze; chi adotta questo stile è in grado di creare connessioni concettuali tra i diversi oggetti di studio e di collegare velocemente la teoria alla pratica. Tale strategia opera un confronto tra l'oggetto percepito nel suo insieme e la rappresentazione prototipica posseduta in memoria. Durante l'esecuzione di un compito, la persona è portata ad avere una visione globale del materiale necessario e a muovere successivamente verso il particolare; lo scopo consiste nel creare un quadro d'insieme di tutti gli argomenti presentati. 


Dall'altra parte, lo stile analitico porta le persone a processare le informazioni secondo la sequenza "dalle parti al tutto", analizzando lo stimolo nelle sue singole componenti: prima di creare connessioni concettuali, chi utilizza questa modalità è spinto ad esaminare un elemento alla volta, ad analizzare separatamente la teoria e la pratica ed a focalizzarsi su un singolo compito. La strategia analitica coinvolge un processo specializzato ad evidenziare le differenze tra le caratteristiche dell'oggetto percepito e la rappresentazione in memoria. Chi adotta tale stile parte dai dettagli per costruire il quadro più ampio: ad esempio, durante lo studio, il soggetto si focalizza sui singoli concetti e solo dopo li collega in un quadro generale di riferimento.


Lo stile globale vs. analitico emergerebbe prevalentemente in differenze del riconoscimento percettivo; interesserebbe anche i processi di memoria, dal momento che la modalità di elaborazione percettiva influisce sul successivo recupero dell'informazione. Per capire se un individuo è prevalentemente globale o analitico, possono essere utilizzati degli esercizi molto semplici, i quali potrebbero aiutare gli insegnanti ad analizzare le differenze tra gli alunni e a "rinforzare" le polarità cognitive che sono state adottate meno dai bambini.

 

Altri articoli...

04 Luglio 2019
Scuola
Tecnologia
È possibile utilizzare i social media in classe? Secondo Lucie Renard, digital m...
19 Dicembre 2017
Ricerca
Altro
Nello studiare il funzionamento della memoria, lo psicologo cognitivo si imbatte...
23 Ottobre 2018
Scuola
Tecnologia
 Nel 1929 Edwin Hubble scopre che il nostro universo si espande in maniera ...
01 Gennaio 2019
Altro
Quella dell'ipersensibilità è una tematica abbastanza sconosciuta, della quale s...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search