NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Promuovere le abilità cooperative: 5 modi

La cooperazione è una competenza necessaria per il successo nella vita. Un bambino inizia a collaborare tra i tre e i quattro anni e ne capisce l'utilità all'età di cinque o sei.

Ecco cinque consigli per aiutare i bambini a coltivare le loro capacità cooperative:

1) Incoraggiare a lavorare in squadra: proporre situazioni di gioco o sport che richiedano lavoro di squadra. L'idea è di creare situazioni in cui è necessario comunicare e collaborare in modo rispettoso per terminare il compito.
2) Non organizzare la giornata dei bambini. Gli adulti non devono pianificare troppo, ma per esempio lasciare che i bambini propongano le attività da fare nella giornata (con rispettivi orari), che decidano la cena per la settimana o addirittura che progettino la vacanza per la famiglia. Ovviamente devono esserci delle linee guida e gli incarichi devono essere proporzionati all'età, ma il senso è che responsabilità e capacità di leadership possono essere allenate a qualsiasi età.
3) Lasciarli trovare soluzioni collaborative. Non risolvere i problemi al loro posto, ma permettergli di trovare la loro strada sotto la propria supervisione o quella di un altro adulto. Non intervenire subito se i bambini si trovano di fronte a una difficoltà. Invece di dare risposte, un buon modo può essere ad esempio quello di porre domande che stimolino la ricerca di una soluzione cooperativa, sempre incoraggiando il rispetto reciproco.
4) Permettere a un bambino di scegliere, proporzionalmente con l'età: un bambino di due anni, per esempio, è in grado di scegliere tra due alternative, mentre un bambino di dieci anni può aiutare a progettare le faccende di casa. Queste scelte devono essere compiute in collaborazione con coloro che li circondano.
5) Creare molte situazioni di scambio con gli altri bambini. Giocare e stare insieme ai coetanei contribuisce a consolidare la sensazione di uguaglianza con gli altri bambini , stimolando perciò la cooperazione con i pari.

 

Altri articoli...

10 Dicembre 2018
Scuola
DSA-BES
Per gli studenti con DSA e bisogni educativi speciali può essere molto difficile...
10 Dicembre 2018
DSA-BES
Cos'è?La disortografia fa parte dei DSA ed è caratterizzata da difficoltà nell'a...
15 Gennaio 2018
Scuola
DSA-BES
Quante volte avete detto questa frase ai vostri figli/alunni o quante volte ve l...
01 Marzo 2018
Altro
Dott.ssa Daniela Rosadini e Dott. Niccolò Gorgoni - Mindfulness in famiglia -&nb...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search