NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

l’Hyperfocus: l’arma segreta dell’ADHD?

Si parla spesso dei problemi legati all'ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione con Iperattività): difficoltà a stare fermi, distraibilità, problematiche comportamentali, ecc...

Eppure ci sono dei punti di forza importanti e spesso poco conosciuti, anche alle stesse persone con ADHD, che invece è importante mettere in luce.

In questo articolo parliamo dell' "hyperfocus" (traducibile in italiano con iperfocalizzazione), ossia uno stato familiare alle persone (bambini, adolescenti o adulti) con ADHD, che hanno avuto esperienze di concentrazione così intensa da "annullare" tutto quello che in quel momento accade attorno a loro.

Vediamo gli aspetti principali di questa caratteristica ancora poco conosciuta dell'ADHD.

"Non hai veramente difficoltà di concentrazione, ti concentri troppo intensamente sul tuo videogioco!"

Quante volte i bambini o adolescenti con ADHD avranno sentito questa frase?

Sembra ovvio, se un individuo riesce a concentrarsi così profondamente su qualcosa, non può avere un deficit di attenzione, ma è veramente così?

L'ADHD tendenzialmente si manifesta con l'elevata distraibilità, quindi può sembrare strano che la stessa persona sembri spesso distratta e poi invece riesca a focalizzare la propria attenzione per un periodo prolungato di tempo.

Oggi sappiamo che questa capacità è molto frequente nelle persone con ADHD e si può definire appunto hyperfocus.

L'hyperfocus per esempio in un adulto con ADHD permette di concentrare la propria attenzione in un unico compito consentendo spesso di raggiungere una produttività lavorativa elevatissima, a spese di quello che c'è intorno, come un familiare che parla o una pentola sui fornelli.

Purtroppo non è sempre facile gestire tale capacità a piacimento e può risultare quindi frustrante dover spiegare che l'abilità di concentrarsi intensamente in alcune aree non è davvero una scelta.

Vediamo alcuni dei lati positivi e negativi dell'hyperfocus.

L'hyperfocus può essere un dono.

Consente infatti di svolgere un'elevatissima quantità di compiti in un periodo di tempo ristretto. Permette di dedicare l'attenzione a qualcosa che interessa veramente, può essere usato anche con i rapporti personali, spesso sfociando in amicizie profonde o relazioni durature.

Per usare le parole del noto psichiatra Edward Hallowell, conosciuto negli Stati Uniti per aver pubblicato numerosi libri sull'ADHD, "L'hyperfocus si attiva quando fai qualcosa che è davvero importante per te", ed è anche "quando operi al meglio delle tue possibilità". L'ADHD, sostiene Hallowell, non è un deficit di attenzione, ma "un'abbondanza di attenzione, il problema è regolarla. Le persone con ADHD possono prestare una super-attenzione ma se non sono interessati, la loro mente va da un'altra parte".

Tutto ciò può anche trovare una spiegazione nelle neuroscienze: esiste una parte del cervello, il lobo frontale, che funziona diversamente nelle persone con ADHD e di conseguenza i loro sistemi di rinforzo sono diversi. Per questo motivo quando queste persone si trovano a svolgere un compito molto gratificante per loro diventa difficile spostare l'attenzione su qualcos'altro.

Un altro punto di vista è quello cognitivo. Grazie al lavoro dello psicologo e ricercatore Russell Barkley sappiamo che le persone con ADHD, più che essere realmente incapaci a prestare attenzione in senso generico, hanno difficoltà a esercitare il controllo sulla loro attenzione, ossia nell'autoregolazione dell'attenzione. Esercitare il controllo vuol quindi dire saper spostare l'attenzione da un'attività all'altra.

Dunque chi riesce a "sfruttare" l'hyperfocus, può raggiungere elevati livelli di attività finalizzata a seguire una passione personale e un alto grado di concentrazione in compiti che interessano realmente. E non sarà quindi un caso se molti imprenditori, atleti e attori di fama siano persone con ADHD.
Alcuni esempi sono:

Richard Branson (CEO di Virgin, un gruppo di 400 aziende);

Michael Phelps (l'atleta olimpico più decorato di sempre);

Jim Carrey (attore e produttore);

Edward Hallowell (Psichiatra di Harvard, autori di molti best sellers);

Jamie Oliver (Chef di fama mondiale, ADHD e Dislessico);

Will Smith (Attore e cantante, dislessico e ADHD);

Bill Gates (Fondatore della Microsoft);

Robin Williams (Attore).

Tuttavia ci sono diversi aspetti poco piacevoli legati all'hyperfocus, che spesso vengono soprattutto vissuti dai familiari o dagli amici di persone con ADHD: per esempio può essere difficile anche solo parlargli quando sono iperfocalizzati. Non solo, può essere necessario dover ricordare loro dell'orario, di cenare o di andare a dormire!

E non sempre l'hyperfocus si indirizza su compiti positivi o produttivi come lo studio o un progetto di lavoro.

In conclusione ciò che aiuta molto è la consapevolezza, che è utile e può essere insegnata a qualsiasi età: conoscere il proprio funzionamento, con i propri punti di forza e di debolezza, riconoscere i momenti di distrazione così come quelli di hyperfocus, accettare in sintesi le proprie caratteristiche speciali senza sempre criticarle, ma vedendole anche in una chiave positiva. 


L'ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è uno dei più comuni disturbi in età evolutiva che si manifesta con una prevalenza intorno al 4%-5% in età scolare. 

Altri articoli...

14 Febbraio 2018
Tecnologia
Ricerca
DSA-BES
Dott. Jacopo Lorenzetti ​-  La memoria di lavoro (working memory) gioca u...
26 Aprile 2018
Scuola
Altro
Dicesi "elefante in una vetreria" una persona che con qualsiasi piccolo atto sem...
20 Dicembre 2017
Scuola
DSA-BES
Dott.ssa Lucia Caprile​ -  Faccio un sogno. (...) Sono seduto, in pigiama...
19 Dicembre 2017
Ricerca
Altro
Nello studiare il funzionamento della memoria, lo psicologo cognitivo si imbatte...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search