NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

I vantaggi di arrabbiarsi e lasciarsi andare

La rabbia non è un'emozione solo distruttiva o negativa. Ci sono molte ragioni per arrabbiarsi, alcune di queste più che ragionevoli. Quando entriamo però in uno stato d'animo dominato dall'ira, perdiamo il controllo dei nostri impulsi e rischiamo di mettere in pericolo noi stessi o gli altri. Per questo motivo, si cerca sempre di nasconderla, reprimerla o "pilotarla" su qualcos'altro.

Ma come tutte le emozioni, la rabbia ha il suo scopo. Vediamo qualche concetto chiave:

1) La rabbia può caricarci di una forte energia.
La rabbia "costruttiva" può farci sentire più forti e potenti. In una ricerca sulla rabbia del 2010, i partecipanti erano più motivati e determinati a scegliere delle ricompense, quando venivano guidati da immagini che suscitavano quest'emozione. 

2) La rabbia favorisce una comunicazione onesta.
Arrabbiarsi può essere la reazione diretta ad un'ingiustizia subita, una questione che potrebbe essere importante chiarire per il futuro, in modo da prevenire che accada nuovamente! La società ci dice che arrabbiarsi è pericoloso e non va fatto, ma se nascondiamo la rabbia, cosa succede al torto che si pensa di aver subito? Se non si è in grado di esporlo in modo "calmo e adulto", si rischia di nascondere anch'esso. Il risultato è che le persone potrebbero non accorgersi di ciò che hanno fatto e quindi ripetere gli stessi comportamenti.
Esprimere la rabbia, in contesto giustificato ed in ottica costruttiva (mirata a trovare una soluzione anziché a creare ulteriori danni), può quindi anche migliorare il rapporto con gli altri!

3) Arrabbiarsi aiuta a conoscersi.
In uno studio, il 55% delle persone ha sostenuto che arrabbiarsi ha avuto conseguenze positive sulla loro conoscenza di sé e dei propri errori.
Se riusciamo a capire cosa ci fa arrabbiare e perché, allora possiamo imparare a migliorare noi stessi.

L'ira è un'emozione potente, lo sostenevano anche gli antichi Romani (Seneca).
Può essere una forte spinta motivazionale, un'opportunità di crescita, ma anche una forza distruttiva. E' importante quindi che le nostre manifestazioni d'ira siano il più possibile proporzionate alla causa scatenante e che non siano solo l'occasione per far fluire energia negativa, ma che rappresentino anche il primo passo per risolvere un problema. Usata bene, insomma, può essere uno strumento di grande utilità: ma da usare con cautela, perché la rabbia è la più difficile da controllare di tutte le emozioni.

Altri articoli...

15 Gennaio 2018
Scuola
DSA-BES
​Dott. Jacopo Lorenzetti - ​Le note sul registro possono diventare, talvolt...
28 Maggio 2018
Scuola
Ricerca
Altro
​Come vi avevamo promesso nell'ultimo articolo, ecco un approfondimento in merit...
08 Novembre 2018
Ricerca
Altro
"La nostra realtà è formata dalla nostra percezione del mondo in cui viviamo, ch...
26 Aprile 2018
Ricerca
Altro
Se tu pensassi in una lingua che non è la tua lingua madre, prenderesti le stess...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search