NOTA!! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Psicologia e Apprendimento

Il blog di Centro Leonardo

Come allenare la memoria di lavoro (pt.2)

La memoria di lavoro è la capacità con cui si mantengono e si elaborano le informazioni nella mente. Utilizziamo la memoria di lavoro ogni giorno per svolgere le più variate funzioni: leggere, scrivere, organizzare, conversare, risolvere compiti di matematica e molte altre. Questa capacità risulta limitata nei bambini molto piccoli, i quali riescono a mantenere in memoria solo uno o due elementi per poco tempo. Con la crescita del bambino la memoria di lavoro migliora sempre di più e si stabilizza intorno ai quindici anni di età: ma, dal momento che il percorso evolutivo è diverso per ciascuno, si hanno differenti strade per sviluppare questa competenza. Infatti, la quantità di informazioni che possono essere trattenute in memoria di lavoro varia da persona a persona: alcuni riescono a mantenere numerosi dati a mente, altri, invece, presentano maggiori difficoltà nella loro elaborazione e impiegano più tempo a ricordarsene. Esistono molti modi per migliorarla nei bambini e nei ragazzi.

  1. Un primo metodo che può rivelarsi utile per i bambini è quello di incoraggiarli a scrivere delle liste di tutto ciò che devono fare nel corso della giornata o in tutta la settimana, sia dei compiti di scuola, sia degli impegni sportivi o familiari. Ovviamente questo è un metodo che può essere utilizzato dai bambini che sono già in grado di scrivere e non hanno difficoltà di scrittura; in alternativa le liste possono essere scritte al computer o da parte di uno dei genitori del bambino.
  2. Di fronte alle numerose attività che il bambino deve svolgere, come ad esempio i compiti per la settimana successiva, lo si può aiutare a gestire una per volta ciascuna materia o ciascun compito, in modo da alleggerirgli il carico cognitivo e aiutarlo a organizzare al meglio lo svolgimento di ogni singola attività.
  3. Si può suggerire al bambino di crearsi delle routines giornaliere: ad esempio, se nel corso della giornata le insegnanti hanno spiegato dei nuovi argomenti, dopo scuola il bambino può ripetere a uno dei genitori tutto quello che ha imparato, cercando di ricordare ciò che ha capito e ciò che invece ancora non gli è chiaro.
  4. Inventare col bambino nuovi modi per ricordare le informazioni o per allenare la memoria di lavoro, può essere un metodo molto utile per il bambino stesso, in quanto viene coinvolto attivamente nella ricerca di nuove modalità che può personalizzare e che riflettono i suoi interessi (ad esempio, giocare con la palla quando ripete una lezione o giocare a Memory la sera coi genitori).
  5. Si possono sperimentare insieme al bambino vari modi per migliorare la sua memoria di lavoro: ad esempio, come è stato detto nella prima parte, la creazione mentale di immagini e la loro descrizione orale al genitore può essere molto utile al bambino. Non tutti, però, traggono privilegi dagli stessi metodi, quindi sarebbe necessario capire in quale modo il bambino ha più facilità a ricordare. Alcuni esempi potrebbero essere quelli di cantare, fare delle rime o disegnare.
  6. Infine, sarebbe vantaggioso far praticare al bambino uno sport, dal momento che influisce sull'umore, scaricando la tensione, riducendo lo stress e favorendo il sonno e andando a influire, di conseguenza, sulla memoria e sulle competenze cognitive.


 

Altri articoli...

30 Novembre 2017
Scuola
DSA-BES
Altro
​Spesso succede che gli studenti sopravvalutino la loro comprensione di un argom...
02 Novembre 2018
Scuola
DSA-BES
"Mi hanno chiesto di parlare di un argomento che mi piace, mi appassiona e mi ra...
26 Aprile 2018
Scuola
DSA-BES
Approfondiamo oggi un'interessante strategia didattica che è utilizzata da alcun...
13 Novembre 2018
Scuola
DSA-BES
"Prendevo un sacco di appunti a scuola, ma, una volta tornato a casa, faticavo a...

Centro Leonardo sul web

 

  

Centro Leonardo su TeleNord

  • TGN - i DSA

  • Il Logopedista per curare i disturbi del linguaggio

  • L’orientamento scolastico

Centro Leonardo su Radio 19

  • Chi può fare la diagnosi DSA
    Chi può fare la diagnosi DSA

  • Compiti e DSA
    Compiti e DSA

  • DSA e difficoltà emotive
    DSA e difficoltà emotive

  • DSA e inglese
    DSA e inglese

  • DSA quando intervenire
    DSA quando intervenire

  • Il tutor didattico
    Il tutor didattico

  • La dislessia
    La dislessia

  • La dislessia (2)
    La dislessia (2)

  • Le competenze matematiche
    Le competenze matematiche

  • Senso di efficacia e impotenza appresa
    Senso di efficacia e impotenza appresa

  • Sport e DSA
    Sport e DSA

Search